GAIAGO

Your Mobility, Your Time, Your Protection

Funzionalità

Con GaiaGo hai accesso ad un mondo di servizi.
Tutti inclusi e senza canone.

Localizzazione

Osserva l'ultima posizione del tuo veicolo.

Storico percorsi

Consulta i tragitti dei tuoi ultimi viaggi.

Report Km

Confronta dati e statistiche direttamente dall'app.

Privacy

Impedisci alla app di registrare gli spostamenti.

Lucchetto

Per garantirti la massima sicurezza.

Polizze

I dati delle tue polizze in un unico contenitore.

Assistenza stradale

Il numero della tua assistenza stradale sempre a portata di mano.

Denuncia Sinistro

Denuncia un sinistro in tre minuti, direttamente dalla app.

Concessionaria

La tua concessionaria, le sue sedi e i numeri di telefono per tutta l'assistenza di cui hai bisogno.

Car Sharing Condominiale

Auto in condivisione ad uso degli inquilini di un solo condominio

Aggregatore di Servizi di Sharing Mobility

Una community per chi vuole una Mobilità fruibile e innovativa

Mobilità Condivisa Full Electric

Gaiago gestirà tutte le forme di Mobilità condivisa sostenibile.



Il Mondo GaiaGo

Mito e poesia in una app che fa innovazione

Gaia vuol dire terra, go è movimento. Il suono gutturale ripetuto nei termini accostati è piacevolmente allitterante e amplifica le due idee facendocele immaginare, rendendocele vive.

E poi Gaia è un nome di donna che porta impresso il femminile ancestrale della Terra, la spensieratezza di un sorriso quasi fosse un emoticon senza tempo, e pure l’ascendente classico della latinità perché Gaia era nome da matrona romana usato a titolo benaugurante persino nelle formule matrimoniali.

Il simbolismo dei colori fa il resto. Il bianco sa di pulito, perché lì vorremmo tornare tutti e lì tutti desideriamo vada il pianeta. Il verde è il green affidato alle nuove generazioni che sapranno farne buon uso.

In una delle immagini scelte per raccontare GaiaGo appare in primo piano – figura nitidissima- un ragazzo ripreso da dietro. Cellulare in mano e zainetto in spalla, sembra immerso nelle sue faccende e pare ignorare il treno che sullo sfondo sfreccia rapido e sgrana la fotografia. Solidità e movimento, nuovo e vecchio, velocità e staticità. La corsa del treno non intacca la serenità rassicurante del giovane. E’ chiaro: non abbiamo smesso di subire la seduzione della velocità, del moderno che oggi si chiama innovazione; ma a differenza dei futuristi di un secolo fa, un ventenne del nuovo millennio che viaggia (e viaggia tanto) non appare disposto a sacrificare la qualità del suo stare a terra per muoversi. Andare, sì, ma al ritmo di Gaia.